IL MITO DELLA ROUTE 66

L'itinerario della Route 66

L'itinerario della Route 66

null
null
 

IL MITO DELLA ROUTE 66 - CODICE ISPIRAZIONE DI VIAGGIO: CU4USS522

Il cinema americano ci ha fatto innamorare della Route 66. Una Mustang blu cabrio, “Route 66” di Jonh Mayer in sottofondo, il vento che scompiglia i capelli, il solito foulard che vola, Rayban ed una strada infinita davanti a voi. Qualche area di servizio per un caffè americano e si cambia musica con “Sweet Home Alabama” di Lynyrd Skynyrd. Ma se non fosse un film? E se foste voi a guidare? Solo la madre di tutte le strade, con i suoi 4.800 km ricca di attrazioni senza tempo, che collega le due grandi coste americane, sa regalare emozioni alla vista e all’obiettivo del viaggiatore.

 

Il soprannome “Mother Road”, le fu dato da John Steinbeck, che rappresentava quello che cercava chi la percorreva, sicurezza e speranza.

 

La Route 66 è sicuramente la strada americana più famosa nel mondo, grazie a chi l’ha saputa celebrare, come scrittori, cantanti e registi. Il suo mito non tramonta ancora, permettendole di resistere negli anni e di mantenere intatto il suo fascino. Immaginate di vivere un vero e proprio viaggio nel tempo per riscoprire gli Stati Uniti e la loro storia.

 

Nei primi anni del ventesimo secolo l’America era percorsa da una rete stradale malmessa e disorganizzata, per questo si pensò di riorganizzare le strade per renderle migliori con le necessità di una nazione in movimento. 

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Cookies Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Cookies Policy.
OK